Inter-Roma è la partita di oggi, ma dal prossimo anno sarà soprattutto la partita di José Mourinho: il presente contro il grande passato. Mourinho con l'Inter ha vinto tutto, e vedremo se incrocerà sulla sua ex panchina Antonio Conte come ai tempi di Chelsea-Manchester United. "Mourinho e l’Inter è la storia. È un Triplete ma soprattutto un confine: qualsiasi allenatore arriverà alla Pinetina, da qui all’eternità, è destinato ad essere confrontato con il portoghese - sottolinea la Gazzetta dello Sport -. In tutto: nelle metodologie di lavoro, nei risultati, nel rapporto con i giocatori, con la stampa, con il mondo Inter in toto. Una gioia e forse pure una condanna, per chi è venuto dopo di lui, un peso infinito da sopportare. Conte è riuscito in questa impresa. Non ha certo un Triplete da sfoggiare, Antonio. E chissà se avrà mai l’opportunità di inseguire quel sogno: oggi sembra pura utopia. Nell’attesa, si è divertito a diventare l’allenatore con la miglior media gol in campionato dai tempi della Grande Inter. E quindi, meglio anche di Mourinho. Conte in 73 partite di Serie A ha prodotto 160 gol, 2,19 a partita. José, tra il 2008 e il 2010, si è fermato a 1,91: trattasi di sorpasso in vetta, nessun altro tecnico nerazzurro dell’epoca moderna ha fatto meglio di questi due. Siamo sempre lì, ai confronti. «Gli auguro il meglio, tranne quando affronterà l’Inter», ha detto Conte la scorsa settimana alle Iene a proposito di Mou. Lo farà davvero? Riuscirà a incrociarlo? Dipende dall’incontro che avrà con Zhang, probabilmente subito dopo la partita con l’Udinese, alla fine del campionato".

VIDEO - INTER, SITUAZIONE ALLARMANTE: ECCO COSA STA SUCCEDENDO IN SOCIETA'

Sezione: Rassegna / Data: Mer 12 maggio 2021 alle 09:24 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print