"Sedute da minimo un’ora e mezza, alternate a riunioni tecniche in cui - nella saletta fatta allestire apposta vicino agli spogliatoi della Pinetina - sono stati sviscerate le caratteristiche della squadra di Maran e gli errori commessi contro il Genoa". Così Walter Mazzarri cerca di limitare al minimo gli errori e preparare al meglio la sfida del Massimino. Un approccio quasi maniacale. La Gazzetta dello Sport svela: "E per non farsi mancare nulla, anche domenica mattina è previsto un allenamento che non sarà intenso come gli altri, ma nemmeno un semplice risveglio muscolare. Un’abitudine maturata negli anni, prima delle gare previste in notturna.

Utile anche per aumentare la soglia di attenzione e rendere meno pesante l’attesa del match, visto che per rispettare il ciclo biologico la sveglia è fissata comunque di buon’ora. A seconda dell’impianto che l’Inter avrà a disposizione, alla parte atletica e tecnica verrà aggiunto un ripassino sulle palle inattive, tenuto dal secondo di Mazzarri, Frustalupi, e dal tattico Vigiani. Se ci sarà il rischio di occhi indiscreti, questa parte verrà svolta in albergo. Anche su questi particolari si costruiscono i successi", si legge.

Sezione: Rassegna / Data: Sab 31 agosto 2013 alle 11:45 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
vedi letture
Print