"First reaction: shock. Because la Juve dei 9 scudetti è stata demolita dalla migliore Inter stagionale che avrebbe potuto dilagare oltre i gol di Vidal e Barella". Citando Matteo Renzi, Luigi Garlando fotografa così, nel suo pezzo d'analisi sulla Gazzetta dello Sport, il 2-0 imposto ieri sera dall'Inter alla squadra di Andrea Pirlo. "Sorprendente soprattutto il modo con cui i campioni d’Italia hanno accettato la sconfitta, quasi senza combattere, costruendo pochissimo, con una precarietà tattica preoccupante, ben rappresentata dal secondo gol: è bastato un lancio lungo di Bastoni a tagliare fuori tutta la squadra - scrive il giornalista -. Forse Conte, alla vigilia, aveva stuzzicato ad arte l’orgoglio dei suoi: 'La Juve resta lontana. Il gap c’è ancora'. Il giorno dopo, l’Inter ha stracciato quel gap, ha sconfitto la Juve come non le riusciva dal settembre 2017, ha affiancato il Milan al comando, 7 gradini sopra i bianconeri. Oggi Pioli può allungare ancora, ma intanto Conte ha passato la notte in vetta. E non è poco. Per solidità, personalità, continuità di gioco, forse è stata addirittura la sua migliore Inter di sempre. Ha segnato con gli uomini più suoi (Vidal e Barella) e hanno brillato Lukaku e Bastoni, cioè le sue migliori creature tattiche. Ora deve lavorare per dare continuità ed essere più competitivo contro squadre chiuse che non concedono corse a campo aperto. Ma non può più nascondersi. Con questa truppa e senza coppe, l’Inter è candidata d’obbligo al titolo.

VIDEO - LO SCHERZO DI ARTURO, LA GALOPPATA DI NICOLINO: TRIPUDIO TRAMONTANA

Sezione: Rassegna / Data: Lun 18 gennaio 2021 alle 08:50
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print