news

Zazzaroni: “Gagliardini all’Inter, parte l’ironia. C’è sempre un pregiudizio nei confronti dei nerazzurri”

Zazzaroni: “Gagliardini all’Inter, parte l’ironia. C’è sempre un pregiudizio nei confronti dei nerazzurri”

Dal proprio blog su Deejay.it, Ivan Zazzaroni offre una chiave di lettura difensiva nei confronti dell'Inter in merito all'acquisto di Roberto Gagliardini, finito oggetto di critica soprattutto per i costi dell'operazione:...

Redazione FcInterNews.it

Dal proprio blog su Deejay.it, Ivan Zazzaroni offre una chiave di lettura difensiva nei confronti dell'Inter in merito all'acquisto di Roberto Gagliardini, finito oggetto di critica soprattutto per i costi dell'operazione: "Ventiquattro milioni (2 per il prestito immediato e 22 di valutazione, esclusi i bonus legati a presenze in campionato e Nazionale) per Gagliardini sarebbero troppi, 20 per Caldara nel 2018 (qualcosa di più se anticipa di un anno l’arrivo a Torino) il giusto prezzo. E’ quello che pensano alcuni analisti di calciomercato e tanti tifosi. Il primo è un centrocampista di 23 anni ad aprile, il secondo un difensore di 23 a maggio. Sono entrambi dell’Atalanta: uno è destinato all’Inter, l’altro alla Juve. La discriminante è proprio questa. Nei confronti dell’Inter sopravvive da sempre una sorta di pregiudizio – spesso motivato, per carità (38 milioni Kondo, 45 Joao Mario e 35 Gabigol i casi più recenti) – che porta gli osservatori a considerare sbagliato tutto quello che fa; nel caso della Juve succede esattamente il contrario: questione di precedenti, ovviamente, ma anche di comunicazione, che la Juve sviluppa con maggiore convinzione, decisione e puntualità. Penso in particolare agli interventi televisivi di Beppe Marotta; Piero Ausilio è spesso frenato dalla proprietà.

Zazzaroni prosgue: "Le valutazioni dei due sono in senso assoluto eccessive, ma bisogna sempre considerare il momento storico, gli equilibri del mercato, le necessità tecniche dei club e le proiezioni. E’ vero che il difensore italiano giovane è un investimento che comporta meno rischi rispetto a quello di un centrocampista, ma è altrettanto vero che un centrocampista ha margini di crescita (del valore) superiori. O almeno li aveva fino a poco tempo fa. Gagliardini – anche secondo Gian Piero Gasperini che lo allena da mesi – era (è) il gioiello più brillante, un interno capace di sviluppare con identico successo le due fasi e dotato di colpi eccellenti (assai forte di testa); Caldara è un difensore estremamente promettente e assai prossimo alla compiutezza tattica. Quello che trovo singolare – ripeto – è l’atteggiamento di parte della critica: prima che venisse accostato all’Inter Gagliardini era considerato il giovane italiano da prendere assolutamente; una volta bloccato dai nerazzurri è partita la campagna a tutta ironia sul prezzo. Misteri della fede".