"Nel Paese del catenaccio un cambiamento storico: Ancelotti, Conte, Sarri, Fonseca, Gasperini, Giampaolo, De Zerbi...Tutti credono nei valori dello spettacolo". Così Arrigo Sacchi dalle pagine de La Gazzetta dello Sport sugli avvicendamenti sulle panchine delle big di Serie A. "I grandi club sono indaffarati nella ricerca affannosa di top player nella speranza che siano poi decisivi. Presidenti e allenatori, però, dovrebbero avere più fiducia nelle idee e nel loro lavoro sapendo che i cosiddetti top player sono veramente decisivi solamente se giocano con e per la squadra a 'tutto campo' e a 'tutto tempo'".

Sezione: News / Data: Dom 04 agosto 2019 alle 18:05
Autore: Daniele Alfieri / Twitter: @DaniAlfieri
vedi letture
Print