Il noto giornalista Carlo Nesti esprime la sua opinione sul derby d'Italia e sul momento dell'Inter. "La partita ha confermato una realtà, che si conosceva alla vigilia. Solo che non sempre il campo è specchio fedele di certi valori, perché gli episodi prendono il sopravvento sul gioco. La Juve ha le risorse motivazionali, e dinamiche, per correre e ringhiare 90 minuti.

L'Inter, essendo una squadra a fine ciclo, non adeguatamente rafforzata, è obbligata a fermarsi prima. Nella formazione di Conte, le 3 varianti delle ultime partite sono i 2 mediani al fianco di Pirlo, Chiellini spesso terzo difensore centrale, oltre che terzino, e Matri in netto crescendo. In quella di Ranieri, non avrei sostituito Zarate, ma avrei tentato, perso per perso, l'accoppiata Pazzini-Milito".

Sezione: News / Data: Dom 30 ottobre 2011 alle 12:58
Autore: Alessandro Cavasinni
vedi letture
Print