Annemieke Zijerveld, la psicologa consultata dal giocatore dell'Inter Denzel Dumfries come da lui stesso ammesso, ha raccontato a De Limburger il suo metodo di lavoro: "Il cervello è il punto di partenza di tutto. Ogni azione compiuta da un giocatore è avviata dal cervello. Se provi molto stress o ansia, otterrai un ritardo in quel sistema e l'esecuzione di un'azione non sarà mai perfetta. Lo vedi nei giocatori che giocano una palla una volta sola e pensi: com'è possibile? O quando calciano un rigore così male da pensare che tu stesso avresti fatto meglio. Mantengo le conversazioni con i miei clienti strettamente riservate, ma posso dirvi a grandi linee come lavoriamo in una fase del genere.

Gli atleti non vanno dallo psicologo solo perché hanno un problema mentale. La stragrande maggioranza vuole solo avere la migliore concentrazione possibile al momento supremo, in modo da non essere distratta da tutte le questioni periferiche che giacciono in agguato. Questo è il motivo per cui di solito iniziamo a gettare le basi molto prima di un torneo come i Mondiali, in modo che ci si conosca prima e un giocatore abbia abbastanza tempo per allenare il cervello. Se una certa paura si insinua durante l'evento o un giocatore non è nel momento, basta premere qualche pulsante", spiega la Zijerverld, che lavora anche per l'esercito degli Stati Uniti. 

Sezione: News / Data: Ven 09 dicembre 2022 alle 12:43
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
vedi letture
Print