Ai microfoni del Corriere di Romagna, l'ex difensore dell'Inter Ivan Fatic, passato poi al Genoa e quindi ora al Cesena, commenta così i fatti di Genova su Italia-Serbia, vista da vicino dato che lui stesso conosce l'ambiente, essendo montenegrino: "Ero nella mia casa di Cesena a guardare la partita in tv - racconta il giocatore bianconero - e mi sono verognato. Sono di nazinalità montenegrina, ma col passaporto serbo e vivo a Belgrado da dieci anni con mia sorella, tutto quello che ho visto non ha nulla a che fare col calcio. Era un'azione premeditata, ma non so spiegare le motivazioni che hanno spinto i serbi a fare questi atti di teppismo, posso dire che purtroppo non sono cose che mi hanno stupito.

In Serbia le tifoserie sono molto violente e queste cose capitano molto spesso. In occasione dell'ultimo derby tra Stella Rossa e Partizan un poliziotto è finito in coma per due mesi in più c'è la connotazione politica, le tifoserie sono di estema destra. C'è stata anche l'aggressione al portiere Vladimir Stojkovic, ma non per una sua prestazione deludente, ma proprio perchè è accusato dagli ultras di tradimento, è infatti passato dalla Stella Rossa al Partizan".

Sezione: News / Data: Gio 14 ottobre 2010 alle 16:16 / Fonte: TuttoCesena.it
Autore: Fabrizio Romano
vedi letture
Print