Emanuele Giaccherini, centrocampista del Chievo Verona, ha parlato ai microfoni di Radio Sportiva dell'esperienza vissuta a Euro 2016 insieme ad Antonio Conte, allora nelle vesti di ct. "C'è sicuramente un po' di rimpianto, eravamo partiti senza grandi favori ma abbiamo dimostrato di potercela giocare con nazionali più forti grazie all'unità del gruppo e al lavoro con il mister. Nel 2016 lavoravamo con grande serenità, ma eravamo comunque l'Italia. L'obiettivo era arrivare fino in fondo".

Grande la riconoscenza e la stima per l'attuale tecnico interista. "Sapevo che Conte all'Inter avrebbe subito dato la sua mentalità. Mi aspettavo che la squadra fosse lì dov'è in questo momento. Conte è un grandissimo allenatore, insieme a Sarri il migliore nel panorama calcistico. Ma si vede molto più la sua mano all'Inter piuttosto che quella di Sarri alla Juventus. Sarri è un grandissimo allenatore, insieme a Conte il migliore nel panorama calcistico".

Tornando alla Nazionale, Giaccherini afferma che "Mancini è stato bravo a ricreare entusiasmo attorno all'#Italia. Il suo percorso con i giovani è stato chiaro fin da subito. Barella, Sensi e Zaniolo avevano solamente poche partite quando #Mancini li ha chiamati in azzurro".

VIDEO - DELIRIO TRAMONTANA AL GOL DI BARELLA!

Sezione: News / Data: Gio 14 Novembre 2019 alle 12:29
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print