"Noi non eravamo impreparati all'esuberanza del tifo nerazzurro, ma essendo delle manifestazioni totalmente spontanee e non coordinate e senza la possibilità di interloquire con nessuno credo che il fatto di essere presenti e di aver garantito che non ci fossero incidenti, danneggiamenti e che nessuno si sia fatto male sia stato un obiettivo di minimo, che abbiamo potuto garantire in una situazione prevedibile". Lo ha detto il vicesindaco e assessore alla Sicurezza, Anna Scavuzzo, a margine di una conferenza stampa al Comando di Polizia Locale, tornando sul tema dei festeggiamenti di domenica scorsa dopo l'assegnazione matematica del 19esimo scudetto all'Inter.

Scavuzzo, poi, sposta lo sguardo al prossimo 23 maggio, giorno in cui la Curva Nord ha fissato ufficialmente la festa scudetto: "Abbiamo fatto sapere che, qualora qualcuno volesse organizzare dei festeggiamenti veri e propri, ci sia un'assunzione di responsabilità. Da parte nostra c'è la disponibilità a comprendere il tipo di attività che si vuole mettere in campo; sarebbe stato imprudente avere un atteggiamento aggressivo, il massimo dell'Ordine pubblico è stato garantito. Dico sia alla tifoseria che alla squadra che non è possibile che agiscano senza alcun criterio. Lo scudetto non merita di portare con sé conseguenza nefaste per la popolazione. Lo dico anche nell'interesse dei tifosi stessi, devono comprendere che il buonsenso deve essere guidato dalla salute pubblica". 

VIDEO - TRAMONTANA FESTEGGIA IL TRICOLORE IN STUDIO: "A MAURO BELLUGI"

Sezione: News / Data: Mar 04 maggio 2021 alle 14:26 / Fonte: affariitaliani.it
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print