Tra gli underdog di Europa League, il Wolverhampton si prepara al duello dei quarti contro il Siviglia di scena martedì sera alle 21 alla Schauinsland-Reisen-Arena di Duisburg. Dopo aver fatto fuori l'Espanyol ai sedicesimi e l'Olympiakos agli ottavi, i Wolves ci credono come dimostrano le parole del 32enne portiere Rui Patricio, nonostante un cammino che li proietterebbe a una possibile semifinale contro il Manchester United (in caso di vittoria dei Red Devils contro il meno accreditato Copenaghen) e a una finale storica contro la squadra che avrà la meglio sull'altro lato del tabellone fra Inter, Bayer Leverkusen, Basilea e Shakhtar Donetsk. "Quello che abbiamo fatto fino ad ora nei precedenti due turni e quello che adesso inizieremo sono due cose totalmente diverse - ha dichiarato il numero 1 portoghese -. Dobbiamo adattarci a una nuova realtà, giocare in campo neutro e senza tifosi. Saranno partite in cui bisognerà giocare ai massimi livelli. Voglio dire che non ci sarà un ritorno per rimediare a una brutta prestazione dell'andata. Sarà dentro o fuori e noi dovremo essere al top perché è l'unica chance che abbiamo. Abbiamo giocatori d'esperienza, non soltanto io ma anche Moutinho, Ruben Neves. Ovviamente tocca a noi dare noi l'esempio e sarà importantissima la preparazione. I calciatori più giovani guarderanno noi e come ci prepariamo alla sfida".

Sezione: News / Data: Lun 10 agosto 2020 alle 04:30
Autore: Daniele Alfieri / Twitter: @DaniAlfieri
Vedi letture
Print