I funzionari Uefa hanno incontrato oggi i rappresentanti delle 12 Federazioni organizzatrici di Euro 2020 in una riunione di routine per discutere le questioni operative relative al torneo che si svolgerà in estate. La Uefa - si legge in una nota ufficiale diffusa da Nyon - ha ribadito il suo impegno a far svolgere l'Europeo nelle 12 città, secondo il calendario già pubblicato. Tutte le parti riconoscono la necessità di flessibilità riguardo alle decisioni da prendere sugli accordi per il torneo, al fine di riflettere sulle diverse sfide e circostanze in cui si trovano le città. A causa di ciò e della natura in rapida evoluzione della situazione intorno alla pandemia, il termine per la presentazione di piani per accogliere i tifosi all'interno degli stadi è stato spostato all'inizio di aprile.

"La UEFA si impegna a organizzare EURO 2020 nelle 12 città inizialmente previste - ha commentato il presidente UEFA Aleksander Čeferin -. L'Europeo è la competizione di punta per il calcio per squadre nazionali in Europa ed è una fonte vitale di finanziamento per il calcio di base e lo sviluppo più ampio del calcio. Sono ottimista sul fatto che è molto probabile che le cose siano molto diverse per quanto riguarda il virus man mano che ci avviciniamo al torneo ed è importante che diamo alle città e ai governi ospitanti tutto il tempo possibile per formulare un quadro accurato di ciò che sarà possibile nei mesi di giugno e luglio. I tifosi sono una parte importante di ciò che rende speciale il calcio e questo vale sia per l'EURO che per qualsiasi gioco. Dobbiamo concederci il massimo spazio per permettere il loro ritorno negli stadi ". 

Sezione: News / Data: Mer 27 gennaio 2021 alle 18:27
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print