La norma sui lavoratori 'impatriati' contenuta nel decreto crescita potrebbe subire un’importante modifica. Il Governo - si legge su Calcio e Finanza - ha presentato, infatti, un emendamento che riduce il bonus fiscale previsto originariamente: in base al testo, le aziende - comprese le società di calcio - che assumeranno un lavoratore 'impatriato' pagheranno le imposte sul reddito del lavoratore dipendente sul 50% del reddito e non più sul 30% (10% nelle regioni del Sud), come previsto originariamente. La modifica - chiosa il sito specializzato - non dovrebbe alterare eccessivamente la capacità dei club di Serie A di poter attrarre grazie a questo incentivo fiscale i giocatori più pagati.

VIDEO - LAZARO-GOL CON L'AUSTRIA CHE NE FA QUATTRO ALLA MACEDONIA

Sezione: News / Data: Lun 10 Giugno 2019 alle 23:09
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print