Il consulente aziendale ed esperto di economia Andrea Rota ha fatto un punto legato ai ricavi dal merchandising per i club italiani: "Sicuramente Natale è il momento giusto per regalare ad un amico, parente o fidanzato, la maglietta della sua squadra del cuore. Nel corso degli ultimi vent' anni, infatti, l' acquisto della maglietta originale della squadra preferita è diventato sempre più un fenomeno di costume. In Inghilterra il fenomeno ha raggiunto livelli ormai maniacali. Il tifoso inglese corre ad inizio anno ad acquistare la nuova versione della maglietta della sua squadra preferita per sfoggiarla prontamente alla prima partita casalinga. Anche in Spagna ed in Germania non scherzano. Storicamente, in Italia questo rito ha avuto una minore rilevanza, un po' a causa delle diverse abitudini di consumo, un po' a causa della diffusione di prodotti contraffatti venduti davanti ai cancelli dei nostri stadi. Ma come i club beneficiano dalla vendita dei kit da gara (magliette, pantaloncini, calzettoni) ufficiali?

Una recente indagine (fonte: Rohlman /PR Marketing.de) ha descritto i numeri sui ricavi derivanti dalla sponsorizzazione tecnica dei kit da gara dei maggiori club europei. Secondo l'indagine, Real Madrid e Barcellona possiedono i contratti più redditizi, guadagnandosi la garanzia rispettivamente di 38 e 33 milioni di euro l'anno da Adidas e Nike, con scadenza nel 2020 e nel 2018. Seguono Manchester United e Liverpool con 31.5 e 31 milioni di euro l'anno da Nike e Warrior. Il primo club italiano in classifica è l'Inter, che ha siglato un accordo con Nike per 18.1 milioni di euro in scadenza nel 2019.



La differenza d'importo, nei contratti sopra menzionati, la fanno decisamente le vendite: il club che vende più magliette ottiene di solito anche il contratto più remunerativo. Negli ultimi 5 anni il Real Madrid ha venduto in media 1.4 milioni di magliette l'anno, il Barcellona 1.15 milioni. La prima squadra italiana è la Juventus con 480 mila magliette l'anno (l'accordo con Nike è pari a circa 13.1 milioni di euro).

Sorprende invece il dato del peso delle sponsorizzazioni tecniche per kit da gara in rapporto ai ricavi totali: questo dato infatti è molto simile tra i maggiori club europei, ovvero l'8% per il Real Madrid, il 7% per il Barcellona, il 9% per Manchester, il 9% per Inter e Juve, il 6% per il Milan (fonte: Deloitte e SportIntelligence.com). Questo vuol dire che, dal punto di vista della sponsorizzazione tecnica, le nostre squadre italiane non stanno "sottoperformando" rispetto alle altre europee, bensì stanno ottenendo risultati economici coerenti con le loro attuali capacità di fatturato: l'Inter, che complessivamente fattura la metà del Real Madrid (220 milioni contro 450 milioni) guadagna la metà degli spagnoli anche dalla sponsorizzazione tecnica.

Il così conclamato problema del merchandising nel calcio italiano va visto quindi in ottica sistemica: nei sistemi dove si investe non solo in grandi calciatori, ma anche in infrastrutture e servizi, si ottiene un risultato migliore anche nei ricavi, tra i quali anche quelli derivanti dalla sponsorizzazione tecnica".

Sezione: News / Data: Mar 25 dicembre 2012 alle 08:57 / Fonte: TuttoJuve.com
Autore: Fabrizio Romano / Twitter: @FabRomano21
vedi letture
Print