Maurizio Compagnoni volto e voce di Sky Sport, parlando dell'utilizzo dei giovani calciatori nelle squadre di vertice ha individuato il vero problema dell'intero movimento calcistico italiano citando, tra l'altro anche l'Inter: "Il problema non è che i 20enni non giocano, bensì che le rose hanno un’età media di 30 anni o più. L'Inter nel 2010 si è ritrovata con una squadra vincente, ma praticamente arrivata e non ha avuto la forza di cambiare. Che il ventenne possa fare panchina ci può stare, perchè è una balla quando si dice che anche a 17 anni se sei forte devi giocare. In quei casi si trascura l’aspetto fisico, muscolare, psicologico che nel calcio moderno è fondamentale.

Se gioca il 25enne al posto del 20enne non lo trovo così scandaloso. Il problema è averne troppi oltre i 30 anni".

Sezione: News / Data: Gio 31 ottobre 2013 alle 22:48
Autore: Emanuele Tramacere / Twitter: @tramacema
vedi letture
Print