Non si è ancora placata la preoccupazione legata alla situazione sanitaria ancora instabile per via della pandemia. Una problematica che potrebbe in qualche modo cambiare gli scenari di Euro 2020 in programma per questa estate.

Le restrizioni variano di Paese in Paese, motivo che potrebbe spingere la Uefa ad apportare modifiche in merito alle città ospitanti il torneo. A parlarne è il numero uno della Uefa, Aleksander Ceferin: "Abbiamo diversi scenari, ma l'unica garanzia che possiamo dare è che l'opzione di giocare qualsiasi partita di Euro 2020 in uno stadio vuoto è fuori discussione. Ogni Paese ospite deve garantire che ci saranno tifosi alle loro partite" ha detto a Sky Sports, dove ha parlato senza mezzi termini sulla volontà di disputare la competizione con il pubblico. "Abbiamo fissato la scadenza del 20 aprile per la decisione finale sugli Europei. Lo scenario ideale è giocare il torneo nelle 12 sedi prestabilite, qualora ciò non fosse possibile e qualora una o più sedi non possano soddisfare le condizioni richieste, si andrà avanti in 10 o 11 Paesi". 

Sezione: News / Data: Mar 16 marzo 2021 alle 23:50
Autore: Egle Patanè / Twitter: @eglevicious23
vedi letture
Print