Stefano Capozucca, ex ds del Genoa è intervenuto ai microfoni di TMW nell'appuntamento "Il racconto dei protagonisti" durante il quale ha parlato "l’acquisto più importante della mia carriera, Diego Milito. Un giocatore straordinario e dalle grandi qualità umane e temperamento, doti che gli hanno consentito anche di fare le fortune dell’Inter”.

Proprio come Capozucca racconta del bizzarro trasferimento del Principe al Genoa: “Nel 2004 ero dirigente alla Ternana e a gennaio Borgobello venne richiesto dalla Fiorentina. Cercavo un sostituto, così Luciano Moggi tramite il suo scout Ceravolo mi consigliò un paio di giocatori. Tra questi Milito, che giocava nel Racing. Portai avanti i discorsi e raggiunsi l’accordo. A dicembre però mi accordai con il Genoa. E così dirottai, in maniera un po’ scorretta, il Principe verso Genova. In rossoblù Diego fece la sua fortuna e quella della squadra. Inizialmente non faceva gol, infatti Preziosi non era contento. Ma piano piano cominciò a ingranare, l’anno dopo quando approdai ufficialmente al Genoa fece ventuno gol. Il Genoa arrivò primo in classifica in Serie B. Poi dopo la retrocessione del Genoa per un illecito sportivo, Diego andò in Spagna”.

Il ritorno in Liguria: “Per tornare al Genoa rifiutò il Tottenham, con noi fece un campionato straordinario e approdò all’Inter.Un acquisto particolare, ma è stato il calciatore più importante che abbia mai avuto”.

Sezione: News / Data: Dom 29 marzo 2020 alle 17:03
Autore: Egle Patanè / Twitter: @eglevicious23
Vedi letture
Print