Stefano Borghi, attraverso il suo canale Youtube, analizza il successo dell'Inter contro il Milan entrando anche nelle pieghe della sfida di San Siro. "Il derby non è stata una sentenza perché il cammino è ancora lungo, però il primo vero scontro scudetto c'è stato e l'ha vinto l'Inter per 3-0, dopo aver fatto sempre 3 gol alla Lazio e aver battuto la Juve a gennaio. Con l'avvio del 2021, Conte ha piazzato i suoi all'assalto dello scudetto. È stata la vittoria più piena dell'Era Conte in nerazzurro, un successo a 360 gradi come dimostrano i tre gol. Da sottolineare in particolare il 2-0, rete arrivata con la partenza dal basso in un'azione nella quale hanno toccato la palla in nove. Un risultato che fa anche sensazione, una vittoria totale".

Sui singoli. "Prima di tutto la Lu-La, che è tornata a ruggire. Lautaro ha piazzato una doppietta che spazza via ogni tipo di discorso superficiale. Sono convinto che sarà un riferimento assoluto del calcio mondiale del prossimo decennio. Lukaku è invece il numero 9 riferimento del campionato. Il belga non c'è nella grandi partite? In 5 derby ha sempre segnato. Non solo c'è, ma è anche un giocatore-squadra. Da sottolineare la grande solidità della difesa, con menzione particolare per Handanovic, e l'evoluzione tattica e tecnica con la presenza decisiva di Eriksen e Perisic, due che erano fuori dai giochi e che ora possono fare la differenza. Grandissimo merito per il lavoro di Conte".

VIDEO - COMPAGNO DI LAVORO SPECIALE PER VIDAL: UNA VECCHIA GLORIA SI ALLENA CON IL CILENO

Sezione: News / Data: Mer 24 febbraio 2021 alle 10:42
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print