A pochi minuti da Benevento-Inter, Piero Ausilio parla ai microfoni di SkySport: "Rosa extra-large? Vista l'esperienza dell'anno passato, quando soprattutto a centrocampo abbiamo avuto qualche infortunio di troppo, abbiamo preferito abbondare - spiega il diesse nerazzurro -. Nainggolan? Non ci sono stati passi avanti. Sappiamo che il Cagliari, in modo diretto e indiretto, conferma il piacere di avere Nainggolan con sé. Lui è ancora dell'Inter, ha un contratto di due anni. Ne parleremo e vedremo il da farsi: se resterà sarà parte integrante del progetto in una mediana forte e competitiva, altrimenti incontreremo il Cagliari e cercheremo una soluzione che vada bene per tutti".

Ranocchia?
"Lui resta qui. C'era un discorso in piedi con il Genoa, ma abbiamo deciso di trattenerlo con noi. Pensiamo che possa essere molto utile, in campo e fuori. A livello calcistico, già l'anno scorso ha dimostrato che è uno su cui possiamo contare. E poi ha questo grande attaccamento all'Inter. Andrea resta a prescindere da qualsiasi movimento". 

Possibile arrivi Alonso?
"Il mercato termina a breve. Numericamente siamo a posto, anzi dobbiamo definire alcune uscite di qualche esubero. Per ora non sono previsti nuovi inserimenti, se non per occasioni".

Skriniar?
"Su Milan ripeto: c'è stato un contatto con il Tottenham, ma abbiamo ribadito che non è sul mercato e non abbiamo ricevuto offerte particolari". 

Fastidioso sentirsi dire che siete i favoriti per lo scudetto?
"Fastidioso no, ma cerchiamo di non ascoltare. Sappiamo perfettamente chi è favorito: c'è chi ha vinto nove titoli di fila... Noi siamo qui per rendere la stagione difficile a chiunque, migliorando e consolidandoci. Ha detto bene Conte: proviamo a essere ancora più forti rispetto all'anno scorso. Qualcosina abbiamo sbagliato l'anno passato, ad esempio siamo stati in emergenza per troppo tempo. Ora abbiamo voluto dare un gruppo più completo al mister".

VIDEO - UN HAKIMI DEVASTANTE ESALTA TRAMONTANA

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 30 settembre 2020 alle 17:47 / Fonte: SkySport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print