Il Barcellona deve lavorare per accelerare alcune uscite milionarie nel mercato invernale. Stando a quanto riferisce Sport, quotidiano catalano vicino alle vicende dei blaugrana, sembra già chiaro che il destino di alcuni dei suoi giocatori in esubero sarà in Serie A e, quindi, i dirigenti si sono trasferiti a Milano venerdì scorso per anticipare le negoziazioni.

Nello specifico, il direttore sportivo, Éric Abidal, e il segretario tecnico, Ramon Planes, hanno avuto vari incontri di lavoro, anche se quello più importante è andato in scena con l'Inter che è alla caccia di un centrocampista e ha messo i nomi di Arturo Vidal e Ivan Rakitic in cima alla sua agenda. Le due società - scrive sempre Sport - si erano già incontrate lo scorso ottobre, in un summit in cui i milanesi avevano chiesto informazioni per il croato fermando la trattativa sul nascere per i costi elevati. La cifra sparata da Josep Maria Bartomeu, 30 milioni di euro, la Beneamata la potrebbe raggiungere solo la prossima estate, ecco perché c'è stata la virata sul Guerriero cileno, soprattutto per espressa volontà di Antonio Conte, suo allenatore ai tempi della Juve. 
L'agente del giocatore ha in programma di incontrare prima di Natale il Barça, già a conoscenza delle intenzioni dei nerazzurri per il centrocampista. Tanto da aver fissato il prezzo del suo cartellino attorno ai 20 milioni di euro. L'idea del Barça è quella di vendere a uno di questi due giocatori considerando che c'è un overbooking nella rosa di Ernesto Valverde. Sia Rakitic che Vidal sono legati al club catalano per un anno e mezzo, situazione che porta il Barcellona a sperare di incassare il massimo nei prossimi mesi per non trovarsi a bocca asciutta in estate con i giocatori in scadenza.

Da par suo, l'Inter non ha troppi soldi al momento ed è aperto alla ricerca di formule per ridurre i costi. È probabile che il Barcellona - secondo Sport - possa strappare delle opzioni su Stefano Sensi o Lautaro Martínez. Si sta parlando di tutto questo dallo scorso venerdì.

Sezione: Focus / Data: Lun 9 Dicembre 2019 alle 09:30
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print