"Non ci sono difficoltà, abbiamo un piano designato. Ci sono sei giorni tra le partite, abbiamo in atto un piano di recupero dei giocatori. È quello che stiamo facendo in questo momento. Da domani si passerà a una componente più strategica della nostra preparazione per la partita". Intervistato dai canali ufficiali dello Shakhtar Donetsk, il tecnico Luis Castro inquadra con queste parole la preparazione alla semifinale di Europa League contro l'Inter. 

Tutti i giocatori sono fisicamente ok?
"Nessuno ha avuto problemi dopo la partita precedente. Nessuno è infortunato. Tutti i giocatori sono pronti per la partita".

Gli esperti italiani dicono che il gioco offensivo dello Shakhtar è davvero scomodo per l'Inter. Sei arrivato a questa o ad un'altra conclusione dopo aver analizzato attentamente i tuoi avversari?
"Questa è l'opinione degli esperti italiani, come lei ha detto. Non dovrei commentare opinioni, dichiarazioni o analisi di terze parti su ciò che dicono sui nostri avversari. Sono concentrato sulla mia squadra e tengo conto dei loro commenti. Mi sento a mio agio con il gioco offensivo dello Shakhtar. Quindi questo è il loro problema, non il mio".

Quali punti di forza e di debolezza dell'Inter potresti evidenziare in questo momento?
"In nessun caso dovremmo cercare debolezze in una squadra di livello come l'Inter. Ovviamente, molto probabilmente, gli avversari non cercheranno i nostri punti deboli. Le squadre che si affrontano nelle semifinali di Europa League o Champions League sono molto complete in ogni aspetto del gioco. Sarà un incontro davvero difficile. La battaglia che entrambe le squadre cercheranno di vincere. Penso che entrambe le squadre abbiano delle chiare possibilità di arrivare in finale e che sul campo cercheranno di mostrare tutte le loro qualità. Voglio ribadire che la partita sarà molto difficile, ma nessuno dovrebbe aspettarsi che questo tipo di partita sia facile. Siamo di fronte a una semifinale difficile".

Di chi sono stati i complimenti che ti hanno fatto più piacere per il raggiungimento delle semifinali?
"Non lo specificherò. Quello che ci interessa alla fine, dopo aver svolto il nostro lavoro in ogni partita, è come sentiamo la nostra coscienza. Dopo ogni partita, la prima cosa che faccio è provare ad analizzare tutto. La mia coscienza mi dice se posso essere soddisfatto o no. Solo la mia coscienza sa se ho realizzato ciò che volevo o no. Questa è la cosa più importante. La seconda cosa che non è meno importante nel nostro lavoro è sentire che le persone intorno a noi sono felici. È importante mantenere felici la nostra dirigenza, i nostri tifosi e tutta la nostra struttura. Quando lo sento, sono felice. E dopo aver vinto, ovviamente, riceviamo molti più messaggi che dopo aver subito una sconfitta. Molto spesso nel calcio, quando sei sconfitto, l'unica porta che si apre e le uniche persone che ti abbracciano sono quelle che ti sono più vicine. Questa è la regola del calcio e della vita in generale. E sono consapevole che molte più persone sono coinvolte nella vittoria che nella sconfitta. La sconfitta è più spesso solo nostra, mia personale, dell'allenatore. Siamo noi che ci assumiamo la piena responsabilità della sconfitta. Preferisco assumermi la responsabilità dei momenti non migliori della mia carriera e nei club. Tutti sanno che sono l'allenatore che si assume la responsabilità di tutto. Sono sempre pronto a lasciare il club se necessario. E nei momenti di vittoria, ovviamente, un numero enorme di messaggi di congratulazioni arriva da ogni parte. È qualcosa che può sempre toccarmi profondamente. Quelle persone sanno chi sono e non ho bisogno di nominarle ora. Sanno quanto sono importanti nella mia vita".

C'è, secondo lei, un chiaro favorito tra le quattro squadre rimaste nella competizione?
"Come ho appena detto, il Siviglia con il Manchester United e lo Shakhtar con l'Inter, chiunque può essere in finale. Penso che nessun allenatore dei quattro - Solskjaer, Lopetegui, Conte e io - abbia dubbi su cosa vogliono da questa competizione. Dobbiamo giocare ora con piena concentrazione e dedizione. Lo diciamo dall'inizio della stagione. Siamo pronti a giocare in qualsiasi stadio del mondo contro qualsiasi squadra. È esattamente quello che abbiamo fatto. Dall'inizio della stagione, non abbiamo subito una sola sconfitta fuori dall'Ucraina, né in Champions League né in Europa League. Non abbiamo subito sconfitte in trasferta contro la Dinamo Zagabria, Man. City, Atalanta, Benfica o Wolfsburg. E non abbiamo perso neanche contro il Basilea. Sempre, guardando al futuro, teniamo conto del nostro passato. Il nostro passato, in generale, era molto coerente, è stato costruito sulla base del lavoro. Se lavori duro come fanno i miei giocatori, se hai il tipo di coraggio che hanno i miei ragazzi, quando non hanno paura di nessuna partita in nessuno stadio, puoi semplicemente sentirti sicuro. Capendo che anche noi siamo tra i favoriti che pretendono di vincere la competizione. Quando siamo apparsi in Champions League, abbiamo deciso che in Europa League avremmo cercato di guardare costantemente alla finale. Quindi ora, quando arriveremo alle semifinali, non smetteremo di pensare alla finale".

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - VITALIY MIKOLENKO, UN TALENTO IN OTTICA INTER

Sezione: Focus / Data: Gio 13 agosto 2020 alle 22:03 / Fonte: shakhtar.com
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print