Simon Kjaer e Christian Eriksen si apprestano a raggiungere un traguardo importante: qualora dovessero scendere in campo mercoledì contro l'Inghilterra a Wembley, i giocatori di Milan e Inter arriverebbero infatti  quota 100 presenze con la maglia della Nazionale danese. Per Eriksen, ci sarebbe la soddisfazione aggiuntiva di essere il più giovane giocatore a raggiungere tale quota di gettoni nella storia della squadra scandinava. E ai microfoni di TV2, il centrocampista nerazzurro sottolinea: "Sarà davvero una bella cosa. E anche divertente perché quando giochi non è qualcosa a cui pensi. Si pensa solo al fatto di giocare una nuova partita e un'altra partita dopo di essa. Ma sono sicuro che una volta che avrò attaccato gli scarpini al chiodo, dovunque finirò sulla lista, sarò orgoglioso di aver giocato così tante partite per la nazionale danese".

Davanti a lui ci sono mostri sacri del calcio danese come Michael Laudrup, Morten Olsen o Peter Schmeichel: "Questi sono i grandi della nazionale che hanno giocato per molti, molti anni. Questa è la cosa fantastica: significa che potresti finire per pizzicarti il ​​braccio quando hai finito e vedere dove si trova il nome di Eriksen su quella lista". Sabato i due saranno avversari nel derby, ma tra i due esiste una grande stima reciproca. Al punto che Kjaer è stato una sorta di mentore per Eriksen quando è arrivato a Milano: "Dopotutto, parla correntemente l'italiano. Quindi ho chiesto un sacco di cose e ho ricevuto molto aiuto in relazione all'Italia e come si vive laggiù". 

VIDEO - È GIÀ JUVE-INTER ANCHE IN URUGUAY-CILE: BENTANCUR "AL GINOCCHIO" SU SANCHEZ

Sezione: Focus / Data: Dom 11 ottobre 2020 alle 17:34
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print