Dries Mertens lascia il Napoli. Anzi, forse resta. Oppure no. Il futuro dell'attaccante belga, col contratto in scadenza a giugno, è ancora in bilico. L'offerta del suo club è arrivata e rappresenta uno sforzo importante per il patron Aurelio De Laurentiis: biennale da 4 milioni a stagione più bonus e altri 2 milioni alla firma. Cifra molto importante, anche se un po' distante dai 6 milioni a stagione che Ciro auspicava di ricevere con la sua prossima firma. Stipendio che, bonus compresi, sfiorerebbe all'Inter (5 milioni più i classici premi). 

Fino alla proposta del Napoli sembrava davvero nerazzurro il destino di Mertens, che a Milano ritroverebbe l'amico e compagno di Nazionale Romelu Lukaku (che gliene ha parlato benissimo). Poi, il blitz partenopeo che ha equilibrato la situazione e, per ragioni di cuore, ha portato al sorpasso degli azzurri, ai quali il belga è legato anche affettivamente. Tavola apparecchiata per restare altri due anni, dunque. Eppure il sì del classe '86 ancora non è arrivato, nonostante a bocce ferme ci sia stato molto tempo per riflettere. 

Sponda Napoli c'è tranquillità, l'offerta è giudicata valida e si ha fiducia nelle ragioni di cuore del diretto interessato, idolo sotto il Vesuvio. Sponda Inter, incassato il contropiede avversario, non è ancora stata gettata la spugna. Beppe Marotta non pensa di arrendersi e ha lasciato sul tavolo la ricca proposta iniziale, convinto di non essere ancora tagliato fuori. E la pausa di riflessione di Mertens conferma che di deciso non c'è ancora nulla, a parte la sua volontà di rimanere in Italia (declinati i corteggiamenti dall'estero). All'Inter, oltre a intascare qualcosa di più, diventerebbe parte di in progetto ambizioso in rampa di lancio, non della ricostruzione del Napoli. E verso il tramonto della carriera la possibilità di alzare dei trofei sarebbe stimolante.

Insomma, la partita vede oggi in vantaggio il Napoli, ma l'Inter resta in gioco e non molla di un centimetro. Mertens, dal canto suo, continua ad allenarsi e a pensare a quale sia la migliore decisione per il proprio futuro. Potrebbe arrivare domani o tra due mesi, l'unica certezza è che il pallone è tra i suoi piedi. E, come succede spesso, saprà farne buon uso.

Sezione: Esclusive / Data: Mar 07 aprile 2020 alle 23:09
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print