Intervistato da AS, Gabriel Barbosa ha parlato della sua breve parentesi in nerazzurro e del futuro alle porte, sia di campo con la finale di Copa Libertadores ormai vicinissima che di mercato. "Ho imparato tanto nel mio periodo all'Inter, anche se ho avuto poche opportunità di mettermi in mostra - ha detto l'attaccante brasiliano -. Sono arrivato con grandi motivazioni, volevo far vedere il mio valore, mi sono sempre dato da fare in allenamento, ho cercato di imparare la filosofia di ogni allenatore in un ambiente nuovo. Forse, con un po' di continuità, la mia avventura in nerazzurro avrebbe avuto tutt'altra storia. Ho sempre rispettato le decisioni degli allenatori, anche se sapevo che avrei potuto giocare con maggior frequenza. Anche nel periodo al Benfica ho imparato a non perdere il sorriso e a lavorare su me stesso. Oggi sono più maturo, ed è normale che in giovane età potessi avere più difficoltà ad ambientarmi in un calcio diverso da quello in cui ero cresciuto. Ma la vita è fatta di scelte e di rischi, non ho rimpianti. Non sarei quello che sono oggi".

"Il futuro? Il Brasileirao è uno dei campionati più combattuti al mondo. Essere il capocannoniere dell'ultima stagione è stato molto importante nella mia carriera e spero di riuscirci nuovamente - assicura Gabigol -. È il risultato di quanto abbia lavorato duramente e dimostra la mia evoluzione come giocatore. Mi sento pronto per segnare in Brasile, Inghilterra, Germania o Spagna. La Liga spagnola è certamente un campionato che mi piace, ci sono squadre squadre di livello mondiale come Barça, Real Madrid, Atletico Madrid, Siviglia e Valencia: lo seguo, c'è uno stile di calcio rapido e di alto livello tecnico". 

VIDEO - COSI' DE PAUL HA CONQUISTATO L'ARGENTINA IN COPPA AMERICA

Sezione: Copertina / Data: Gio 21 Novembre 2019 alle 11:27 / Fonte: AS
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print