La pirateria colpisce il campionato italiano. In una conferenza stampa in Lega, l'amministratore delegato della Serie A, Luigi De Siervo, ha illustrato i guai derivanti dall'allargamento del fenomeno e particolarmente da quanto sta accadendo in Arabia Saudita, dove si è svolta l'ultima Supercoppa Italia, c'è un accordo per altre due edizioni e dove negli ultimi mesi ha spopolato BeoutQ, che il Corriere della Sera definisce "la più grande e sofisticata tv illegale del pianeta". sviluppatasi "a velocità record in Medio Oriente, Africa e Asia raggiungendo anche alcune zone d’Europa con "decoder clandestini, abbonamenti a prezzi modesti, moderni software antioscuramento; programmi, e persino il logo, clonati da BeIN Sports (l’emittente qatariota del network di Al Jazeera), non un centesimo versato per comprare i diritti. «È ovvio che non può farci piacere giocare in un Paese che si disinteressa della protezione della proprietà intellettuale — ha detto in conferenza stampa De Siervo —, lo abbiamo fatto presente alle autorità saudite e ci hanno assicurato che collaboreranno contro BeoutQ. Abbattere la pirateria sarà un fattore decisivo per il successo del prossimo bando sui diritti tv. Se non la fermiamo il calcio come lo abbiamo conosciuto in questi anni sparirà, nessuno investirà senza la certezza di un ritorno economico». Per il futuro la finale potrebbe spostarsi, lo stesso De Siervo ha confermato contatti con Stati Uniti e Azerbaijan.

VIDEO - GABIGOL DA GRANDE ATTACCANTE, MA IL FLAMENGO LASCIA LA COPPA AI RIGORI BATTUTO DA... JONATHAN

Sezione: Rassegna / Data: Ven 19 Luglio 2019 alle 12:51
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print