Fabrizio Ferron interviene dalle pagine del Corriere della Sera riguardo al dibattito sulla costruzione dal basso. "La questione mentale è fondamentale - dice il preparatore dei portieri dell'Under 17 azzurra -. Io lavoro con ragazzi molto giovani, ma già predisposti all’evoluzione del gioco. Il punto di partenza deve essere sempre la capacità di stare in porta e di parare, questo deve essere chiaro. Ma oggi si chiede al portiere di essere l’uomo in più. E quelli maggiormente evoluti non si limitano al giro palla, ma alla ricerca di passaggi filtranti. Il calcio va in questa direzione e serve un equilibrio che in Italia è complicato trovare".

Sezione: Rassegna / Data: Gio 18 marzo 2021 alle 12:48
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
vedi letture
Print