Nel corso di un'intervista rilasciata a Il Sole 24 Ore, il dg della Fiorentina Joe Barone caldeggia nuovamente la costruzione di nuovi stadi, tema caldo anche a Milano prima che l'emergenza attuale frenasse i discorsi: "Se non vengono fatti gli stadi con l'obiettivo di aumentare le entrate la messa è finita. Le squadre operano con margini netti molto stretti, quindi o aumentano i ricavi da stadio oppure saranno sempre meno competitive. C'è bisogno di progettualità e di capire che gli stadi moderni non servono solo al club ma anche per riqualificare quartieri. Le città e gli impianti possono ammalarsi e perire di vincoli storico-architettonici. Basti pesare al Flaminio a Roma. In Italia per i funzionari sembra più facile non decidere, per evitare grane, che decidere. Tutto questo congela investimenti e in più si perdono delle opportunità, non solo nel mondo del calcio. Io, in quanto manager e amante dell'Italia e del calcio non vorrei arrendermi a questo stato di cose".

Sezione: News / Data: Dom 05 aprile 2020 alle 21:19
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print