La vicenda dello stadio nuovo rischia davvero di assumere i contorni dell'Odissea per Inter e Milan: adesso è venuto fuori un intoppo che potrebbe tenere in stand-by il progetto per quattro mesi. Secondo quanto spiega Marco Bellinazzo de Il Sole 24 Ore, tutto nasce dalla presenza di un muro del 1926 lungo sette metri e dal reticolo burocratico italiano. Nei prossimi quattro mesi, spiega Bellinazzo, i due club si ritroveranno nella scomoda posizione di dover rivedere al buio il piano proposto al Comune di Milano. Si legge: "Per effetto di un provvedimento (l’articolo 14 del D.P.C.M. 19 giugno 2019, n. 76) entrato in vigore il 22 agosto 2019 succede infatti che la “Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio del MiBACT”,  abbia assunto “poteri di coordinamento e controllo anche in materia di tutela dei beni architettonici nei confronti della Sovrintendenza della Città Metropolitana. Questo comporta che la Sovrintendenza milanese si ritrovi scalzata nelle sue competenze e a decidere sull’esistenza di un “vincolo architettonico” su San Siro debba essere l’ufficio romano del ministero dei Beni culturali. Il quale avrà 120 giorni per rispondere alla richiesta del Comune di Milano. Quindi da quando partirà la lettera da Palazzo Marino alla Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio potrebbero passare 4 mesi. E alla fine dell’istruttoria quest’ultima potrebbe sancire che sullo stadio Meazza esiste per l’appunto un vincolo architettonico tale da stoppare il progetto ovvero costringere a un’ulteriore revisione per salvaguardare il valore storico dell’impianto".

Sezione: News / Data: Mer 13 Novembre 2019 alle 15:25
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print