Nel suo discorso in videoconferenza al 72esimo Congresso ordinario CONMEBOL, Gianni Infantino, presidente della Fifa, ha sottolineato che nessuna partita di calcio vale una vita umana e che la salute rimane la massima priorità. "Il calcio non è la cosa più importante, la salute viene prima di tutto e dovrebbe rimanere la nostra priorità fino a quando questo virus non sarà sconfitto - le sue parole -. Il mondo sta affrontando nuove sfide e dobbiamo stare insieme e lavorare in gruppo. Questa è la lezione che il calcio può dare: lavorare di squadra. Domani tutti vorremmo vedere di nuovo il calcio, ma nessuno al mondo sa quando saremo in grado di giocare. È molto importante che il calcio segua le istruzioni delle autorità sanitarie e dei governi ed è molto importante che il calcio dia un buon esempio, perché è chiaro che nessuna partita è più importante di una vita umana. Questo è quello che dobbiamo avere in mente, lavorando con fiducia e pensando positivamente al futuro".

Il mondo del calcio è fermo ma non deve restare immobile a livello di decisioni che preparano il futuro: "Dobbiamo guardare avanti e non possiamo rimanere passivi poiché il Coronavirus ci influenzerà. Sia il nostro mondo che il nostro sport saranno diversi quando torneremo alla normalità. È nostra responsabilità come amministratori del calcio, in primo luogo garantire che il calcio possa sopravvivere e, in secondo luogo, andare avanti ancora una volta. Questa non è solo la nostra responsabilità ma anche un nostro obbligo".

Sottolineando che la FIFA ha agito immediatamente, sia per rimandare le partite che per sostenere l'Oms in varie campagne, il numero uno del calcio ha spiegato che è attualmente in corso un'ampia consultazione per preparare il calcio alle nuove sfide proposte da questo momento storico delicato: "Nel calendario delle partite internazionali dobbiamo cercare soluzioni globali per affrontare questi problemi in uno spirito di cooperazione e solidarietà - ha detto Infantino -. Ognuno ha interessi diversi, ma dobbiamo parlare e mettere sul tavolo argomenti che forse non abbiamo discusso in passato. Sono convinto che troveremo soluzioni per il calendario delle partite internazionali. Relativamente al quadro giuridico, come possiamo fornire assistenza in materia contrattuale? Abbiamo una task force che sta già lavorando e presenterà proposte molto presto al fine di proteggere i club e i giocatori".

In relazione al sostegno finanziario, Infantino ha ringraziato l'Ufficio di presidenza del Consiglio FIFA per il lavoro svolto negli ultimi quattro anni che ha permesso all'organo di governo del calcio mondiale di trovarsi in una solida posizione economica e pronto ad affrontare le questioni non appena si presentano. "La FIFA è sinonimo di credibilità, cosa che non potevamo dire alcuni anni fa. Questa è la nuova FIFA che abbiamo creato che funziona a vantaggio del calcio e affronta i problemi. Questo è il motivo per cui ora stiamo lavorando per vedere come possiamo aiutare. Valuteremo i danni, parleremo di questo argomento in un altro gruppo di lavoro con le confederazioni e consulteremo tutte le parti interessate e risponderemo sostenendo il calcio. Questa è la FIFA che tutti desideriamo: una FIFA forte e preziosa che rende tutti orgogliosi, perché tutti sono la FIFA".

Sezione: News / Data: Ven 03 aprile 2020 alle 14:01
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print