"Penso che quest’anno l’Inter avesse tutto per vincere lo Scudetto". Lo dice l’ex nerazzurro Fabio Galante, ospite su SkySport nel day after del 19° titolo: "Insieme alla Juventus era la favorita, l’uscita dalla Champions ha aiutato perché Conte è bravo a preparare le partite settimanalmente. È uno scudetto strameritato. Conte dice che è più difficile vincere all’Inter? Io ci sono andato vicino nel ’98 - ricorda l’ex difensore -. Non so se sia più difficile, ma credo che l’Inter quest’anno ha fatto un percorso per arrivare a vincere. È stato costruito tutto mattoncino per mattoncino. Io ho avuto la fortuna di fare lo scouting per Spalletti e Ausilio e ricordo gli acquisti come Bastoni, Lautaro scoperto in Argentina e De Vrij a parametro zero. Poi anche Barella e Hakimi sono ottimi acquisti, e se a questi ci aggiungi Conte che li valorizza… Se dovessi fare una similitudine Mourinho-Conte direi che sono due persone dirette, Conte non si è snaturato rispetto a com’era alla Juve. Speriamo che da qui in avanti sia più facile vincere". 

Sulle critiche al gioco dell’Inter: "Potrei ricordare i bei gol di quest’anno, io sorrido quando dicono che non gioca bene. Tutti sanno quello che devono fare: il gol di Eriksen a Crotone sono cose preparate mille volte in allenamento, quindi c’è una grande preparazione e va da merito. Poi chiaro che lo spettacolo te lo può dare genere come Messi che da solo ne salta tre, ma sono contento che l’Inter ha trovato una formazione tipo. Quest’anno quelli che hanno giocato più spesso si possono ricordare".

Parentesi poi sulla presidenza e il possibile programma del futuro: "Moratti era la persona perfetta per introdurre Steven Zhang, che ho conosciuto e che vuole veramente bene all’Inter. Se dovessi scegliere tra allenatori e giocatori? Se mi danno Ronaldo il Fenomeno sicuramente anche io posso vincere qualcosa (ride, ndr). Io punterei sempre sui giocatori forti".

VIDEO - TRAMONTANA FESTEGGIA IL TRICOLORE IN STUDIO: "A MAURO BELLUGI"

Sezione: News / Data: Lun 03 maggio 2021 alle 22:34
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print