Luca Castellazzi, ex portiere dell'Inter, intervenuto ai microfoni di TMW Radio si esprime sulla corsa Scudetto così: "La Juve corre, perché non sbaglia quasi mai una partita. Sta diventando difficile starle dietro. La differenza di punti per Inter e Lazio non è definitiva. Nelle prossime settimane sarà tutto molto combattuto, anche grazie al mercato, dove le pretendenti potranno rinforzarsi. Le altre hanno ridotto comunque un po' la distanza". Una battuta anche su Samir Handanovic: "E' una garanzia sotto il profilo del rendimento. E' esperto, non perde mai il focus sulla partita. E poi anche il fatto di ricevere la fascia di capitano lo ha responsabilizzato ancora di più. Il rendimento ci dice che è uno dei migliori in campionato. Sia lui che Szczęsny garantiscono un livello di rendimento alto. Come para così tanti rigori? C'è il prepararsi prima, come fanno ora tutti i portieri, poi c'è l'istinto. E quello ce l'hai o non ce l'hai. E poi c'è la componente tecnica, perché arrivare a tiri anche angolati vuol dire che c'è anche un corretto gesto tecnico. Questo ti fa diventare un ottimo para-rigori".

Mauro Icardi, visto anche l'evoluzione del suo caso, deve continuare a rimanere lontano dall'Inter? "Quando c'ero io era nuovo, era appena arrivato. E' un ragazzo di poche parole ma eccezionale, come professionista. Si vedeva che aveva il gol nel sangue. L'ambiente che si era creato nei suoi confronti lascia pensare che era meglio separarsi. Aveva l'ambiente contro e l'Inter sul mercato aveva fatto altre scelte. Era una scelta scontata andare via e da questa ne stanno beneficiando tutti. L'Inter si è tolta un problema, se fosse rimasto sarebbe rimasto una presenza pesante".

Sezione: News / Data: Ven 24 gennaio 2020 alle 21:23
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print