La storia d'amore tra Mauro Icardi e l'Inter sembra ormai giunta al capolinea. L'avvocato Paolo Nicoletti, legale di Maurito, intervistato da Repubblica ha toccato indirettamente il tema relativo al rapporto tra il club nerazzurro e l'attaccante argentino. “Qualche nostalgico si lamenta dell’assenza di bandiere, ma trattare i giocatori come poste contabili è un errore a cui siamo così abituati che i club scelgono quale giocatore comprare, o vendere, anche in base alla logica degli ammortamenti e al rapporto costo-ricavi, dimenticando a volte l’utilità effettiva dell’atleta nel progetto. Il mercato stesso è diventato una competizione, i tifosi esultano per una plusvalenza quasi come un gol. La gestione dei club così peggiora ed i risultati non arrivano. Continuando così si rischia di perdere l’identità dei club, dimenticando che devono far divertire facendo calcio. La trasformazione dei giocatori da bandiere della squadra a poste contabili rischia di far diventare i club delle società commerciali. Dovremmo convincerci tutti che segnare un gol non può avere peso sul bilancio".

VIDEO - GABIGOL, ALTRI DUE AL GOIAS: CHI LO FERMA PIU'?

Sezione: News / Data: Mar 16 Luglio 2019 alle 13:31
Autore: Federico Rana / Twitter: @FedericoRana1
Vedi letture
Print