Alessandro Canovi, intervenuto ai microfoni di Tutto Mercato Web, ha raccontato alcuni retroscena sul passaggio dall'Inter al Paris Saint-Germain di Thiago Motta nel gennaio del 2012: "Con Claudio Ranieri l’Inter stava recuperando terreno, quindi diventava difficile cedere Thiago a gennaio. Ma già con Piero Ausilio e Marco Branca si parlava della vendita in estate. La società era d’accordo e aveva avallato la cessione, forse anche a gennaio nonostante Ranieri fosse contrario. Per difendere l’idea dell’allenatore però ci venne chiesto di chiudere per giugno, Thiago acconsentì e il Psg pure. Ma l’Inter acquistò Fredy Guarin. Io all’epoca vivevo in simbiosi con Thiago all’Hotel Melià, dove vedemmo arrivare il colombiano. Cosi il giocatore chiese la cessione e Massimo Moratti da gran signore disse di si, ma doveva anche rispettare l’allenatore che era totalmente contrario".

Canovi prosegue: "Alla fine arrivammo ad un accordo con il Psg per giugno. Andai a Parigi la mattina presto l’ultimo giorno di mercato convinto di firmare per giugno. Ma poi arrivai nella sede del Paris Saint Germain e Leonardo mi disse ‘lo facciamo subito’. Io gli risposi: ‘si, lo facciamo subito per giugno’, lui replicò dicendomi che Moratti intanto aveva deciso di accontentare il ragazzo. C’era solo in problema: avvisare Thiago Motta che intanto si stava allenando e Ranieri stava tenendo la conferenza stampa, nella quale disse che il calciatore non sarebbe stato ceduto. Mandai un messaggio al ragazzo scrivendogli di chiamarmi subito. Detto-fatto, mi chiamò e gli dissi: ‘Mettiti in un posto sicuro, non farti ascoltare da nessuno. Vieni via'. Thiago prese alcune cose senza salutare nessuno, non c’era tempo. Riuscì a prendere due-tre cose e si presentò a Parigi vestito per come era andato all’allenamento. La sera dopo la firma andammo a cena con Carlo Ancelotti, Thiago aveva dei pantaloni improponibili e il mister gli disse: ‘Ora che hai firmato puoi comprarti dei pantaloni seri'". 

Sezione: News / Data: Gio 02 aprile 2020 alle 16:37
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print