"Mi definisco uno studente del gioco. Cerco di guardare il maggior numero possibile di partite. Il lato tattico è stata la cosa più importante per me da migliorare. Ho 26 anni. Voglio migliorare diversi aspetti del mio gioco. Quando stavo crescendo, l'Italia aveva Ronaldo, Adriano e Zlatan Ibrahimovic. Erano tre giocatori a cui guardavo da bambino. Per me è stato davvero interessante". Romelu Lukaku si racconta, in una lunga intervista alla BBC, in cui analizza il proprio passato, ma anche il presente, dall'8 agosto a tinte nerazzurre. "Giocare all'Inter è una benedizione per me. È un club con una grande storia, che vuole migliorare e fare bene. Ero in una fase in cui avevo bisogno di una nuova sfida. Questo uno è arrivato al momento giusto. Cosa è andato storto alla United? Non lo so. Non provo a guardare indietro. Per me, l'esperienza al Manchester United è una di quelle di cui sono più grato, non molto buona perché non abbiamo vinto e io avrei voluto vincere con il club, ma mi hanno dato una possibilità. Ora devo giocare per uno dei più grandi club del mondo, quindi sarò sempre rispettoso nei loro confronti. Alla fine, ho pensato che fosse meglio andare avanti e provare cose nuove".

Uno sguardo al rapporto con l'ex allenatore, Ole Gunnar Solskjaer. "Non posso guardare indietro e dire che Ole non fosse il manager giusto per me. Non posso farlo. Io e Ole abbiamo provato a lavorare insieme, ma a un certo punto ho dovuto essere onesto con lui. Lui era anche onesto con me. Abbiamo trovato un accordo. Volevo andare. Ha capito perché volevo andare. È qualcosa per cui gli sarò sempre grato. Abbiamo avuto una conversazione da uomo a uomo. Gli ho detto come mi sentivo e lui ha capito. Avrà sempre un enorme rispetto da parte mia e un'enorme protezione".

Un passaggio anche su Alexis Sanchez, già compagno di Romelu a Manchester. "È una buona mossa per lui. Ha già giocato in questo campionato prima. La gente qui lo conosce. In Premier League ha fatto davvero bene quando era all'Arsenal. Ha avuto un momento difficile al Manchester United. Venire qui è stata la mossa giusta, in un buon spogliatoio, dove l'allenatore vuole vincere. Farà parte di questo. Aggiungerà molta competizione alla squadra che già abbiamo. Ora sta a lui mostrarlo. Credo davvero che farà bene con noi. Siamo qui per aiutarlo. Speriamo che lui può aggiungere quella piccola scintilla al nostro team ".

Lukaku racconta anche di come ha vissuto le settimane di trattative per il suo passaggio a Milano. "Mi sono allenato da solo per le ultime due settimane a Manchester con uno degli allenatori fisici. Da Singapore fino a quando non mi sono trasferito qui, praticamente stavo solo correndo e non allenandomi in campo. Quando sono arrivato, mi hanno chiesto cosa avessi fatto. Non avevo fatto alcun allenamento di gruppo, ma solo la corsa, quindi abbiamo continuato a correre. Mi hanno fatto conoscere gli esercizi di gruppo e poi hanno organizzato delle amichevoli e basta. Quando sono arrivato, i primi quattro giorni hanno riguardato la costruzione dell'aspetto fisico, cercando di tornare il più in forma possibile per la prima partita: molto lavoro fisico, adattandosi tatticamente a ciò che Conte vuole in campo. Il modo in cui giochiamo implica molta pressione, essere nelle posizioni giuste. Devi essere vigile e acuto nell'allenamento. Problemi di tenuta fisica? No, né ora né allo United".

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 31 Agosto 2019 alle 12:34
Autore: Federico Rana / Twitter: @FedericoRana1
Vedi letture
Print