Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Davide Santon ha parlato di presente e passato. Newcastle adesso, Inter prima, Italia nel futuro. "Il ginocchio? Adesso sono guarito. Il vero problema è stato l'inesperienza: mi fossi fermato, avrei recuperato prima. Da fenomeno a giocatore rotto: alla mia età è stato difficile. Ora ne sono venuto fuori". Adesso, però, nei Magpies gioca sempre e pure bene. "Abbiamo un tecnico, Pardew, molto bravo e che apprezza i giovani. Krul farà molta strada,, mentre Ba e Tioté sono fortissimi.

Mourinho? Mi è rimasto nel cuore. Mi disse dopo il Manchester United: 'Ragazzo, hai le palle'. Lui è forse il numero uno al mondo". Il suo passato all'Inter con alti e bassi: "Forse l'Inter avrebbe dovutoproteggere di più i suoi giovani, ma non sono arrabbiato. E potrei tornare, anche se sto bene al Newcastle". E Balotelli? "Ci sentiamo. Gli dico di non buttarsi via e di fumare poco". Capitolo Nazionale. "Spero di tornarci: mi piacerebbe andare all'Europeo".

Sezione: FOCUS / Data: Ven 13 gennaio 2012 alle 11:00 / Fonte: Gazzetta
Autore: Alessandro Cavasinni
vedi letture
Print