Ai microfoni di Mediaset Premium Roberto Mancini si sofferma sui gol subiti nel finale dei precedenti match: "Il timore c'è sempre, è capitato contro il Torino, col Napoli e con il Celtic, doveva finire questa cosa prima o poi. Ma oggi negli ultimi otto minuti abbiamo difeso meglio. La classifica? Non credo sia ancora tempo di guardarla. Dobbiamo pensare a giocare, vincere e migliorare". Sui pericoli portati avanti dal Cagliari: "Fino a un certo momento della partita la difesa riesce a rimanere alta e la squadra è corta. Quando ci allunghiamo iniziano i problemi, così il Cagliari ci ha creato delle difficoltà. Dobbiamo imparare a rimanere alti anche quando siamo più stanchi.

Kovacic? È un ragazzo giovane, ha bisogno di tempo per migliorare in tutto e per fare il centrocampista completo ci vuole più tempo. Lui ha lancio, tecnica, ma al momento questa sulla trequarti è la posizione migliore, dove può rischiare di perdere la palla. Perché l'ho tenuto fuori? È un bel problema avere fuori giocatori come lui, Hernanes o Shaqiri. Vuol dire che l'Inter piano piano torna ad essere una grande squadra e questo è importante". Chiusura sul ritorno di Europa League contro il Celtic: "Dobbiamo cercare di passare il turno perché abbiamo fatto un buon risultato all'andata. Avrei messo la firma sul 3-3 a Glasgow, ma per noi ogni partita è importante".

Sezione: Focus / Data: Lun 23 febbraio 2015 alle 23:15
Autore: Daniele Alfieri / Twitter: @DaniAlfieri
vedi letture
Print