Dal -21 del giugno 2019 al -1 del campionato passato fino al +4 (ma con una gara in più) attuale: l'Inter di Conte ha sostanzialmente cancellato il gap dalla Juventus. Lo sottolinea la Gazzetta dello Sport a poco meno di una settimana dall'incrocio di San Siro. "I risultati sportivi vanno spesso di pari passo con gli investimenti economici a supporto della costruzione delle squadre - si legge -. Ma non si può dire la stessa cosa per l’ultima Inter, quella che adesso vuole portare la Juventus a battagliare - davvero, non virtualmente come la scorsa stagione - fino alla fine per lo scudetto. Oggi i nerazzurri sono una squadra in costante crescita dal punto di vista sportivo, ma tremendamente ferma sul piano finanziario. Conte ha vissuto tre fasi diverse, dal giorno del suo insediamento. La prima, quella degli investimenti, quella di Lukaku e Barella, passata per Eriksen e arrivata fino al colpo Hakimi, che oggi è davvero l’unico fattore tecnico di novità rispetto alla squadra della scorsa stagione. Poi la fase due, certificata dal famoso vertice di Villa Bellini di agosto, una cosa del tipo: si fa mercato solo a costo zero, o comunque le entrate sono commisurate alle cessioni. Era un Conte che poteva ancora sperare in Kanté, a fronte di rinunce dolorose alla Skriniar però. Da un mese a questa parte siamo invece entrati nella fase tre. L’operatività è limitata, fondi assenti per il mercato, ragionamenti futuribili per agganciare i parametri zero del prossimo giugno solo se compatibili con il monte ingaggi". Insomma, la speranza in viale della Liberazione è che Eriksen e Pinamonti ricevano offerte convincenti per abbassare il monte ingaggio e, magari, portare a casa almeno un rinforzo a gennaio.

Adesso Conte, che in estate ha subito più che scelto il mercato (Hakimi a parte), prova a isolare la squadra dalle voci societarie. "Sullo sfondo c’è Bc Partners, il fondo di private equity che ha già incontrato il presidente Zhang, interessato ad almeno una quota di minoranza del club: la due diligence è in corso, siamo all’alba di una trattativa, l’Inter è un piatto da 950 milioni di euro".

VIDEO - GOL STREPITOSO DI GNONTO AL LUCERNA: LASCIA INDIETRO IN DRIBBLING TUTTA LA DIFESA AVVERSARIA 

Sezione: Focus / Data: Mar 12 gennaio 2021 alle 08:27 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print