"Il cerchio si stringe: da qui alla fine di aprile Inter e Milan presenteranno al Comune di Milano il progetto relativo al nuovo stadio. Che potrebbe essere semplicemente rinnovato, se la scelta dovesse cadere sulla ristrutturazione del Meazza, oppure rifatto da zero. È questa l’opzione più probabile, allo stato attuale: un impianto da costruire nell’area di San Siro, tagliato su misura per le esigenze di due club che puntano a valorizzarlo al massimo e a colmare il gap coi top team europei". Lo spiega la Gazzetta dello Sport, che vede il club rossonero già deciso verso l'abbattimento del Meazza, mentre quello nerazzurro sarebbe ancora indeciso. "Nella visione del Milan, la ristrutturazione sarebbe poco vantaggiosa economicamente e comporterebbe la ricerca di un impianto fuori città che possa ospitare le partite durante i lavori - si legge -. Gare di campionato, Coppa Italia e – sperano in Corso Vittorio Emanuele e in via Aldo Rossi – Champions League. Un po’ com’è accaduto al Tottenham, ma in zona non c’è un mitico Wembley da «occupare» in attesa che sia pronto White Hart Lane. Il Milan valuterebbe una soluzione che preveda l’utilizzo del Meazza mentre, accanto, sorge la nuova casa. L’Inter, dal canto suo, non ha ancora preso una linea definitiva, che consenta di tirare le somme e presentare la proposta condivisa a Palazzo Marino".

Sezione: Focus / Data: Dom 24 marzo 2019 alle 08:25 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
vedi letture
Print