Intervistato dai colleghi di Libero, il professor Carlo Cottarelli è tornato a parlare dell'idea di un azionariato popolare per l'Inter, la sua squadra del cuore: "La pandemia ha penalizzato un calcio già malato, è fondamentale cambiare strada - le sue parole -. Tre anni fa abbiamo lanciato il progetto Interspac per promuovere la ricapitalizzazione dell’Inter cercando di coinvolgere i tifosi comuni e non per forza vip. Il progetto resta in piedi e a settembre organizzeremo un seminario a Milano perché la ricetta dell’azionariato potrebbe essere la via di salvezza per il movimento".

Un messaggio che il club milanese per ora non vuole ricevere, come conferma Cottarelli: "Per ballare il tango bisogna essere in due, e la società Inter al momento non ha mostrato interesse per la nostra proposta. Che però resta sul tavolo. L’idea può servire a far uscire i club da una situazione di instabilità economica ma non solo. Oggi ci sono problemi gravi di liquidità e un rischio permanente di instabilità perché gli investitori stranieri non sono legati alla storia del club ma investono solo per scopi pubblicitari o speculativi. Certo, come interisti non possiamo lamentarci troppo di Suning che ha riportato lo scudetto a Milano dopo un decennio". 

VIDEO - ESCLUSIVA FCIN: LA MOSSA DI RANOCCHIA PER RESTARE ALL'INTER

Sezione: Focus / Data: Mar 18 maggio 2021 alle 13:30
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print