Dopo la grandissima affermazione nel derby di Milano, Antonio Conte parla anche ai microfoni di SkySport. "Abbiamo margini di crescita, dobbiamo continuare a lavorare. Non dimentichiamo che appena tre giorni fa abbiamo fatto una prestazione al di sotto di quello che siamo - avvisa il tecnico nerazzurro -. Vedo il bicchiere mezzo pieno perché sono convinto che quella prestazione ha alzato il livello di attenzione e ci ha fatto giocare questo tipo di derby. Sono contento soprattutto per i calciatori, meritano queste gioie, e per i nostri tifosi, il derby è sempre il derby. Per me era il primo e ci tenevo a presentarmi nella giusta maniera".

Se guardiamo la classifica, cosa dice ai suoi?
"Prima del match ho detto loro che dovevamo vincere per restare in testa. Siamo contenti, ma anche nel primo anno di Spalletti, l'Inter era in testa. Per questo ripeto: bisogna lavorare. Eravamo tutti delusi con lo Slavia e oggi siamo soddisfatti. La strada è lunga".

Sia Brozovic che Lukaku hanno segnato: ben vengano gli scontri nello spogliatoio?
"Non c'è stato nessuno scontro, solo un chiarimento verbale. Ed è giusto che avvengano, anzi: io lo chiedo. Sono stato calciatore e so cosa significa. Mi è capitato e la sera eravamo ancora più forti. Sono tutti bravi ragazzi, c'è bisogno anche di malizia. Brozo e Romelu sono eccezionali, siamo un gruppo fin troppo per bene".

Se ragioni da gruppo, godi anche da gruppo. E oggi si sono visti i frutti.
"Verissimo. Io antepongo sempre il 'noi' all''io'. Anche perché con l''io' non si va da nessuna parte. Non abbiamo giocatori che spostano la partita da soli, ma ne abbiamo tanti importanti che possono farlo se messi dentro un contesto. E non faccio nomi, altrimenti qualcuno si 'siede'...".

Lavoro atletico fortissimo. Sta già dando i suoi frutti o ancora no?
"Abbiamo sicuramente lavorato nella giusta maniera, oggi la differenza non si è vista dal punto di vista fisico nonostante avessimo giocato pochi giorni fa e loro no. Siamo stati vivi, brillanti, con pressing a tutto campo. Difficile chiedere un tipo di prestazione così se non hai nelle gambe del lavoro fatto bene. La talpa? Non ce n'è solo una, ma una comitiva (sorride, ndr). Spero aggiusteremo questo aspetto, significherebbe che stiamo crescendo".

VIDEO - IL DERBY E' NERAZZURRO, TRAMONTANA IN VISIBILIO

Sezione: Focus / Data: Sab 21 Settembre 2019 alle 23:19 / Fonte: Sky
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print