Messa in archivio la fase a gironi della Champions League, Calcio&Finanza analizza nel dettaglio gli incassi dei club dal punto di vista economico. Il club che finora ha incassato di più è il Bayern Monaco (75,7 milioni di euro frutto della quota importante di market pool ma anche al percorso fatto di sei vittorie in sei partite), seguito da Barcellona e Real Madrid, rispettivamente a quota 72,7 e 70,9 milioni: l’unico altro club oltre i 70 milioni è la Juventus, con 70,1 milioni.

I milioni messi in cassa dall'Inter sono invece sotto i 40, per la precisione 38,7, divisi in 16,6 di ranking storico, 15,3 di partecipazione, 6,3 di bonus risultati e 0,5 di bonus redistribuito.

La partecipazione a questa edizione della Champions ha garantito a ciascuna delle 32 squadre una somma pari a 15,25 milioni di euro - precisa C&F -. A questi vanno aggiunti i proventi derivanti dai risultati sportivi ottenuti nella fase a gironi: per ogni partita vinta i club incassano 2,7 milioni di euro, mentre il pareggio porta 900.000 euro. Gli importi non distribuiti (900.000 euro a pareggio) vengono raccolti e ridistribuiti tra le squadre partecipanti alla fase a gironi con quote proporzionali al numero di vittorie. Inoltre, dalla stagione 2018/19 l’Uefa ha introdotto il ranking decennale/storico, che garantisce da 1,1 fino a 35,4 milioni di euro ai club in base alla stessa classifica, mentre le squadre qualificate agli ottavi hanno ricevuto un ulteriore bonus da 9,5 milioni di euro. 

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - SANDER BERGE, THE NORWEGIAN PRODIGY

Sezione: Focus / Data: Ven 13 Dicembre 2019 alle 12:36 / Fonte: Calcioefinanza.it
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print