Lo scorso mercoledì, nella gara con Livorno, sono stati i migliori in campo; stiamo parlando di Samuel Eto’o, autore di due gol importantissimi, Thiago Motta, ottima prestazione e Cristian Chivu, rientrato dopo 77 giorni, in seguito a quel terribile incidente con Pellissier. I loro recuperi ( per un un motivo e per l’altro) saranno fondamentali per i nerazzurri che sono in corsa su tre fronti e vogliono portare a casa quanti più trofei possibile. Josè Mourinho ha sempre detto che il campionato lo vince il più forte e che alla lunga distanza vengono fuori i veri valori della squadra migliore. Con la Roma a meno quattro e con lo scontro diretto da giocare sabato all’Olimpico l’Inter ha ritrovato tre certezze. Samuel Eto’o in primis: i due gol sembrano averlo sbloccatto. Il camerunese, giocando in posizione centrale, risulta essere un infallibile terminale offensivo, oltre ad un professionista serissimo; che sia in panchina o che sia largo sulla fascia, costretto a rincorrere difensori e centrocampisti, l’ex Barça non si è mai scomposto e ha sempre accettato le condizioni dettate da Mourinho. Forse qualcuno deve attingere dal suo comportamento. Oltre ad Eto’o l’Inter potrà contare sul pieno recupero di Chivu. Una buona prestazione quella col Livorno; il romeno saltava di testa, contrastava senza paura, sintomo tangibile che il peggio è passato, anche a livello psicologico. Il suo ritorno è davvero fondamentale, in quanto permette a Zanetti di spostarsi sulla linea mediana e di sopperire all’assenza di Davide Santon, ancora alle prese con i guai al ginocchio.



Thiago Motta sembra aver trovato una buona condizione; forse è avventato asserire che sia tornato quello ammirato a Genova, ma le ultime buone prestazioni, come quella a Londra e mercoledì col Livorno, lo proiettano sulla strada buona. Motta è davvero un centrocampista unico nell’Inter, in quanto ha meno dinamismo rispetto a Stankovic o Zanetti, ma sa trattare benissimo il pallone. L’Inter c’è; sta pian piano recuperando i suoi pezzi fondamentali e si prepara alla volta finale, in campionato ed in Champions League e in tal senso il turnover di mercoledì sera non ha fatto altro che bene; i vari Samuel e Lucio hanno giovato del riposo, visti i loro straordinari dell’ultimo periodo, così come Milito, risparmiato sapientemente dallo Special One. Forse è giunto anche il momento di rivedere all'opera la coppia Milito-Eto’o, quella coppia che ha fatto tanto sognare, al massimo della loro potenzialità, già a cominciare dalla sfida campionato cruciale di sabato contro la Roma.

Sezione: News / Data: Ven 26 marzo 2010 alle 10:12
Autore: Alberto Casavecchia
vedi letture
Print