Nel postpartita di Inter-Sampdoria, Stefano Pioli ha parlato ai microfoni di Rai Sport durante la trasmissione Zona 11 PM: "E' una sconfitta pesante, era una buona occasione per fare bene. Abbiamo giocato bene nel primo tempo, stretti e compatti, ma tutto questo è svanito nel secondo tempo dopo il pareggio della Samp. Ci abbiamo provato ma abbiamo perso equilibrio. Bisognava giocare insieme da squadra per 95 minuti, e invece siamo stati poco lucidi. Abbiamo perso un'occasione buona. Se la classifica finale fosse questa non sarebbe buona, ma abbiamo altre 8 partite per dimostrare che non siamo quelli del secondo tempo. Ci sono stati errori singoli, ma ciò che ha pesato è stata la frenesia, la lucidità e l'equilibrio. Mentalmente abbiamo reagito male al loro pareggio, avremmo dovuto restare in partita e sfruttare le nostre qualità. Ansia da prestazione? Sapere che avremmo accorciato la classifica vincendo ci ha pesato e non siamo riusciti a sfruttare il pareggio del Napoli.

Abbiamo forzato le giocate per questo. E' chiaro che stiamo rincorrendo da novembre, lo sforzo lo stiamo facendo, non possiamo fare altro. Sappiamo che per rincorrere bisogna essere squadra, oggi abbiamo giocato individualmente dall'1-1 in poi, e fare una prestazione così è difficile. Il mio futuro non è un problema, l'unico pensiero è far sì che al 28 maggio la classifica sia migliore di questo. Guardando il secondo tempo non si pensa che siamo migliorati, ma mi auguro sia stato solo un episodio e ne sono sicuro. Nelle partite precedenti abbiamo trovato continuità nell'applicazione, nell'attenzione. Le squadre complete lottano, corrono e sono belle da vedere. Oggi ci siamo riusciti solo per 50 minuti. La squadra la sento mia perchè i calciatori mi seguono, la sento mia al 100%".

Sezione: News / Data: Lun 03 aprile 2017 alle 23:30
Autore: Fabrizio Longo / Twitter: @fabriziolongo11
vedi letture
Print