L'esperto di mercato Alfredo Pedullà commenta così le prime convocazioni da C.t. azzurro di Cesare Prandelli: "Le prime convocazioni di Prandelli mi sono piaciute. Intanto perché, viva la fantasia, abbiamo contemporaneamente Mario Balotelli e Antonio Cassano. Senza le goffe parole di Lippi che, bravo ad arrampicarsi sugli specchi, diceva: "Non posso spiegarvi i motivi che mi portano a non chiamare Cassano". Come se avesse l’esclusiva di qualsiasi decisione, come se non dovesse rendere conto alla gente, compreso il presidente federale Abete che faceva finta di non capire e si tirava fuori.

Cassano e Balotelli sono fondamentali per il nuovo corso azzurro. Li avrebbe chiamati chiunque, a maggior ragione un allenatore intelligente come Prandelli. Quei due rappresentano la base ideale per ripartire. Peggio del Sudafrica non si può. Ma anche il signor Lippi sapeva che con la stonata difesa del gruppo avrebbe fatto testacoda sull’autostrada. E che si sarebbe incartato contro Nuova Zelanda e Slovacchia".

Sezione: News / Data: Sab 7 Agosto 2010 alle 21:50 / Fonte: Sampdorianews.com - Datasport
Autore: Fabrizio Romano
Vedi letture
Print