Dopo 13 anni, la Fiorentina ha salutato Vincenzo Vergine, responsabile del settore giovanile approdato al Milan. In viola tanti talenti scoperti ma anche qualche pecca come Nicolò Zaniolo, lasciato partire frettolosamente. Ne ha parlato ai microfoni di firenzeviola.it il procuratore Giocondo Martorelli, che spesso ha lavorato con lo stesso Vergine: "Sento spesso parlare di Mancini e Zaniolo. Sotto l’aspetto di Mancini so che ci sono stati problemi legali con il Perugia, ma non li conosco quindi non posso giudicare. Su Zaniolo invece conosco benissimo la realtà visto che ha giocato sei anni insieme a mio figlio. L’anno che avrebbero avuto la possibilità di essere inseriti nella rosa della Primavera, Zaniolo era alto 1,70 m ed era il più piccolo di tutti. Non si sapeva dove potesse arrivare.

Negli ultimi due anni poi ha messo 20 cm e 20 kg. Lui pretendeva di giocare titolare e non potevano dargli quella garanzia. Ha fatto la scelta di darlo all’Entella visti anche i suoi problemi caratteriali, ma nel calcio si sa quando diventano fortissimi bisogna anche un po' sopportarli. Pochi potevano immaginare uno sviluppo così veloce e repentino a questi livelli. L'errore più grande è dell’Inter... Il fatto che si sia lasciato una percentuale sulla vendita ha fatto sì che una speranza l’ha sempre mantenuta, ma darlo via così è stato un peccato".

Sezione: News / Data: Sab 28 dicembre 2019 alle 12:25
Autore: Gianluca Losco / Twitter: @MrLosco
vedi letture
Print