Dopo il blocco obbligato dello sport per l'emergenza Covid-19, PPTV, società titolare dei diritti di trasmissione delle partite di Premier League in streaming e di proprietà di Suning Holdings Group, non ha ancora versato l'importo di 160 milioni di sterline dovuto a marzo. Lo riporta il Daily Mail, aggiungendo come, di riflesso, la Premier abbia deciso di respingere al mittente l’offerta per un’estensione di tre anni del contratto (per coprire le stagioni nell'arco temporale che va dal 2022 al 2025).

Questa situazione di stand-by potrebbe generare delle conseguenze anche nelle finanze dei club del massimo campionato inglese, dato che l’accordo televisivo con la Cina risulta essere il più redditizio al mondo, Regno Unito escluso. "Suning ha ottenuto i diritti per trasmettere le partite della Premier League per il triennio 2019-2022 sul suo canale digitale, grazie ad un’offerta di 564 milioni di sterline" ricorda Calcioefinanza.it.

VIDEO - GODIN-CONTE, SIPARIETTO IN CONFERENZA: "DIEGO, FATTI 'STA BIRRA". MA C'E' L'INGHIPPO...

Sezione: News / Data: Mar 11 agosto 2020 alle 16:31 / Fonte: Calcioefinanza.it
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print