La Repubblica riapre oggi il capitolo di mercato che vede protagonisti Mauro Icardi e la Juventus. Un tormentone estivo 2019 che potrebbe tornare tale a partire dal prossimo giugno. "Ci risiamo: Mauro Icardi vuole andare alla Juventus - si legge oggi sul quotidiano - La moglie e manager del giocatore, Wanda Nara, prima delle feste natalizie ha cominciato a programmare il ritorno del marito in Italia per la prossima estate. Con chi le è vicino, non nasconde di aver finalmente chiaro che l'approdo in Serie A per Maurito non potrà più essere l'Inter. L'ex capitano nerazzurro mira a trasferirsi alla Juve già a giugno, finito il prestito al Psg. Una soluzione che gli consentirebbe di vivere in famiglia: moglie e bambini abitano a Milano".

Come riportato ancora nell'articolo, "passare in bianconero sarebbe per gli Icardi anche il modo di vendicarsi con l'Inter, con cui hanno il dente avvelenato". Il prezzo fissato per il riscatto da parte del club parigino è 70 milioni di euro, "ma per contratto il giocatore può opporsi al trasferimento definitivo ed è quello che vuole fare". Perché? Presto detto: "Icardi non ha mai abbandonato l'idea di passare in bianconero" e "Fabio Paratici, regista del mercato bianconero, dopo un'estate di corteggiamento, sembra avere allentato la presa. Ma è solo tattica, l'amore per Maurito è più vivo che mai: oggi la Juventus lì davanti è al completo, ma Ronaldo il prossimo 5 febbraio compirà 35 anni e Higuain, che sogna un finale di carriera al River Plate, va per i 33".

Peccato che di mezzo ci sia l'Inter, "che deve essere d'accordo. Sul contratto di Icardi pende una clausola di svincolo da 110 milioni, valida per l'estero. Alle italiane tocca sedersi al tavolo e trattare. Una prospettiva difficile da immaginare, con Inter e Juve appaiate in testa al campionato". 

VIDEO - FANTASTICA INTER A NAPOLI, L'URLO DI TRAMONTANA SILENZIA I TIFOSI AVVERSARI IN STUDIO

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 09 gennaio 2020 alle 10:38
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print