C'è di nuovo l'Italia nel futuro di Antonio Conte. Ne sono convinti in tanti, soprattutto il Corriere dello Sport che sottolinea: "Il contenzioso con il Chelsea entrerà nel vivo in queste ore, ballano una ventina di milioni, ma intanto sta scadendo un contratto - si legge -. L’anno sabbatico non prevede supplementi di relax. Soprattutto: le panchine d’Europa sono ormai al completo, dopo il rinnovo di Solskjaer con il Manchester United (ad Antonio sarebbe piaciuto). Quindi, casa dolce Italia. Le sponde sono tre: la Juve, dipenderà da Allegri e non solo; l’Inter in rialzo da sempre per il semplice motivo che c’è Marotta di stanza; il Milan che dovrebbe sprofondare in questo finale di stagione per discutere Gattuso. Altri accostamenti? La Roma ci ha pensato, come sta pensando a Sarri, per il momento sondaggi". Peserà nelle scelte dell'ex c.t. azzurro il budget che gli verrà proposto per il mercato.

Più nel dettaglio, ecco lo scenario che vede l'Inter protagonista. "Il problema dell’Inter è che la scorsa estate, dopo un mega mercato, nessuno si sarebbe immaginato di essere a fine marzo in questa situazione: fuori dalla lotta scudetto, fuori dalla Champions, fuori dall’Europa League, fuori dalla Coppa Italia, fuori da tutto - evidenzia il Corsport -. Certo, mantenere il terzo posto, comunque non scivolare oltre il quarto, è il minimo sindacale. Ma se ad agosto 2018 avessero detto: Juve punti 75, Inter punti 53, in tanti avrebbero stentato a crederci. L’abisso. Ora è vero che Spalletti ha un contratto fino al 2021 e che la nuova tendenza di Suning, potenza di fuoco, sarebbe quella di non scaraventare i soldi dalla finestra, ma noi aspetteremmo la fine della stagione, almeno un altro mese. Per capire l’aria che tira, soprattutto come tira. Conte è una tentazione fortissima, più di Mourinho oggi. Se vogliamo una partita di andata e ritorno perché l’Inter aggancerebbe la guida dei sogni, don Antonio ripartirebbe non da un trionfo (nerazzurro) ma da una specie di rifondazione. Ora che le sirene d’Europa non squillano più, fino a prova contraria che almeno oggi non c’è, ricordiamoci di quel rapporto con Marotta. Speciale, retrodatato, eventualmente di prospettiva". 

VIDEO - E' LA FESTA DI MISS GAGLIARDINI: CANTI E BALLI PER ICARDI, KEITA, GAGLIARDINI E LAUTARO

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 29 Marzo 2019 alle 08:15 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print