La volontà di tutti resta una: finire la stagione 2019/2020, anche se questo vorrà dire arrivare ad agosto. Secondo quanto riferito dal Corriere dello Sport, la premessa fondamentale è sempre quella che si tornerà in campo solo e soltanto quando le condizioni sanitarie lo permetteranno. Da lì in poi, però, non si faranno prigionieri. Uefa, Eca e Leghe europee concordano: prima la chiusura dei campionati domestici e poi le coppe europee. In poche parole: si riparte da giugno? Bene, fino a luglio si giocano i campionati, poi si riprendono le coppe (che terminerebbero nella terza settimana di agosto). Da capire i format per queste ultime: tutte gare secche? Final-four?

E la stagione 2020/2021? Con lo scenario di disputare la finale di Champions dopo ferragosto, la nuova stagione calcistica ripartirebbe più tardi, nel weekend del 12-13 settembre, chiudendosi poi in ogni caso il 1° giugno 2021 per lasciare spazio e Europeo e Coppa America. Si tratta ovviamente di una bozza, di un piano di salvataggio: da sistemare ancora tutti i dettagli e oggi è in programma una nuova riunione in video conferenza tra le European Leagues. "I temi da affrontare saranno relativi al giocare a porte aperte o chiuse, al calendario internazionale, ma anche al mercato", spiega il Corsport.

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 26 Marzo 2020 alle 08:15 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print