È un'Inter inceppata quella vista in questa ripresa post-Covid. A parlarne, esprimendo le sue considerazioni e preoccupazioni, è l'ex nerazzurro Luisito Suarez che ai microfoni di TMW parla di stagione quasi fallimentare: "L'impressione adesso è che ora non si sappia da che parte girarsi. Non è normale questa situazione, c'è stata un'involuzione netta e già prima dello stop era andata così così. Sono stati persi tanti punti per strada e credo che anche per i responsabili del club e per il tecnico sia difficile trovare la soluzione giusta al problema. Ci sono stati troppi alti e bassi". 

Torniamo all'analisi della stagione per ora quasi fallimentare...
"Magari questa parola non piacerà, ma premesso che la Juve era la favorita l'Inter quest'anno aveva il dovere di competere con la Juve fino alla fine e anche in queste gare doveva essere lì, più della Lazio. Ora sento dire che si pensa di cambiare tanto per l'anno prossimo ma questo non è positivo. Perché agendo così poi ti devi andare tutto bene... Resta l'Europa League in cui sperare in un exploit". 

Conte merita di andare avanti anche l'anno prossimo?
"Io dico che con questi discorsi sull'allenatore si sta esagerando. Un tecnico non determina, sono i giocatori che vincono. Ho sempre sostenuto che l'allenatore non deve far danni, deve saper tenere il gruppo ma la differenza la fanno i giocatori di qualità. Bisogna chiedersi quale sia il valore della rosa. Vedo giocatori con poca personalità e mancanza di livello tecnico per puntare chiaramente molto in alto. Se le partite si mettono male devono essere i giocatori di livello a riprenderla in mano. Tutti pensavano che con il suo arrivo ci fossero le vittorie. Ma se non hai la squadra non vinci". 

Tornando ai calciatori: Eriksen...
"Situazione strana, in Inghilterra aveva giocato bene e anche in nazionale. Può essere legata ad una questione caratteriale, magari dovendosi esprimere nel ruolo di condottiero non riesce ad assolvere queste funzioni. Un conto è svolgere una parte normale altro discorso essere una guida in campo e fuori. Magari non è abituato. E' una delusione ma in due mesi non si disimpara a giocare a calcio".

Sezione: Focus / Data: Ven 10 luglio 2020 alle 18:37
Autore: Egle Patanè / Twitter: @eglevicious23
Vedi letture
Print